A metà del mese di Ventoso Venerdì 10 Marzo un po’ di Emilia Cispadana ci aspetta al Kalinka di Carpi (MO), un circolo Arci che si difende da lustri. La serata ospiterà la finale regionale di Arezzo Wave e prima di noi sul palco si alterneranno i tre gruppi qualificati per tale evento. L’ingresso è serenamente gratuito previa tessera Arci e il locale si trova in via Tassoni n° 6. Attaccheremo attorno alle ore 23,00 e se ne volete sapere di più il sito  www.kalinkaclub.it  è a vostra completa disposizione. Chi non viene è un Tuwat.

———————————————————–

TORINO. Fabrizio dell’HiroshimaMonAmour tiene appeso un busto di Lenin autoprodotto in polistirolo nel suo ufficio, ci sarà un perchè. Glenda prima del concerto si presenta in camerino con Carlo, dieci anni, un nostro piccolo fan che ci ragala (lui a noi!) un Tatranky non di marca e nove disegni a biro con tanto di firma in calce ispirati ad ognuna delle canzoni del disco. Vaga e Paperoga percezione che ne abbia capito più lui di quel che facciamo che tanti adulti del genio pontificatori. Seguirà tutto lo spettacolo seduto al lato del palco: misteri delle moderne quinte elementari. Un saluto particolare a Marco Storai, Michele Versace, Disco Drive eccetera eccetera: la memoria a breve si fa sempre più sottile. AVIANO.VELVET. Pordenone è lontana, attraversiamo tutte le prealpi in orizzontale e carichiamo dalle parti di Venezia una minuta ambasciatrice di LudwigVanBasten senz’acca e raggiungiamo la collina furlana ad orario convenuto. Il Velvet è ad umana dimensione e si trova fuori da Giais di Aviano, nel deserto verde a monte della base militare americana. Magliette dei Depeche Mode in numero superiore alla media e avventori perfino dalla Slovenia e dalla base sopracitata. Francesca Luzzi e Gaetano Dimita ci raggiungono per tempo. Tiz e Lime (senza caneborsa) ravvivano il salotto post concerto mentre Sara sostituisce diligentemente la sua omonima con l’acca al banchetto dei dischi. Un esordio promettente.          NAPOLI. Il Ventuno Aprile è stato fissato e confermato un concerto a Napoli, al Modernissimo (vedere qui a destra la colonnina dei concerti). Fosse che fosse la volta buona.

Offlaga Disco Pax. Antonio de Curtis, ora pro nobis.

13 commenti
  1. Pelodia ha detto:

    Mi secca parecchio non venire al kalinka. Disto solo pochi km😦

    Mi secca soprattutto non riuscire a venire a vedere el finali di arezzo wave. In finale c’è gente brava, un applauso speciale ai -like a shadow?, a mio avviso molto bravi.

    saluti da un emiliano girovago

  2. anonimo ha detto:

    Siete una blitzkrieg in continuo movimento. A Napoli succedera’ qualcosa di clamoroso(and not glamourous), me lo sento. Forse e’ giunta l’ora che si risveglino, sti partenopei, e una base offlagadiscopax suonera’ na mandulinata reggiana ‘n front ‘o Vesuvie.
    Lasciatevi incoronare, o uomini del primo, primissimo nord.
    Detto questo, non vedo l’ora di risentire gli ultimi pezzi, che ho notato stare su piani melodici diversi da quelli precedenti (a volte piu’ spezzati, altre piu’ fluenti) e “sensibile” mi manca gia’.

    Ah, dimenticavo gli aggiornamenti(che man mano che si ascolta il disco le eprcezioni cambiano): Enver ha un tiro pazzesco, TonoMetallicoStandard e’ un viaggio sonoro in atmosfere da buconero,
    Praga e’ la citta’ meglio descritta dopo anni e anni di tentativi_piuttosto poco riusciti_ di ricordare le emozioni delle citta’ attraverso le canzoni.
    Avrei voluto avere 10 anni, come il bambino dell’hiroshima, e poter ballare su robespierre.
    Ecco, ma Offlaga come sta messa con Wu Ming ? Robespierre e’ un personaggio spettacolare di “54”……

    direttamente dagli ascolti deplorevoli

    diego

  3. anonimo ha detto:

    Grazie per la data di Napoli!!! Sono commosso. Il vostro album gira ininterrottamente sul mio stereo e sul mio i-pod da una anno!!!!! Ci vediamo il 21 aprile!
    Raffaele

  4. LydiaDeetz ha detto:

    Ricorderò:
    -Ludovico VanBasten (o VanDamme all’occorrenza)
    -il formaggio latteria fuso
    -la sigla di Ransie, la vampira porno
    -Anna Oxa a Sanremo conciata come una DARK londinese

    Rispettosamente

    Sara Senzacca, al Vostro servizio

  5. Starblood ha detto:

    Posso venire a Carpi ed essere ugualmente un Tuwat?

    Sempre dagli ascolti deplorevoli, Batto.

  6. maso_ ha detto:

    Carlo è un modesto… non c’è dubbio

  7. anonimo ha detto:

    Ragazzi ma la data di Udine?????

    Non fatemi preoccupare!!!

    Ferruccio

  8. Non sappiamo ancora il luogo dove si terrà il concerto di Udine, ma la data del 5 aprile ci risulta confermata. (max)

  9. Ciao,vi ho scoperto da pochi giorni e mi piacete..Venite a visitare il mio Blog che tra pochi giorni come sigla d’accompagnamento avrà Roberspierre!
    Giulia

  10. anonimo ha detto:

    Diego,
    Robespierre nel 54 era in espansione territoriale. Emilia, Trieste, Dubrovnik, Messico….

    Max, Enrico, Daniele, manca poco manca poco!

    Zaren

  11. HAL9000 ha detto:

    Ciao ragazzi, scusate x il ritardo ma ho avuto un po’ da fare…
    Complimentoni per la serata di Giais e per la stakanovista resistenza al dolore di Max.
    Unica nota stonata il non aver portato a casa Tatranky (sì è vero, ho la faccia come il culo).
    Ci vediamo non appena ripassate dalle mie parti.

    Ciao dal vostro “collega di Ginevra” preferito (almeno credo)…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: